Isola di Ponza - locorockvacanze.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

HOTEL > Italia e Coste

Prenota il tuo soggiorno sull'Isola di Ponza
nelle migliori strutture ricettive ai migliori prezzi!

 
 

Isola di Ponza
L’Isola di Ponza è la maggiore delle Isole Pontine, arcipelago situato di fronte alle coste laziali. La forma dell'isola è stretta e allungata, e si estende dal Faraglione La Guardia a sud alla Punta dell'Incenso a nord-est, che dà sulla vicina Isola di Gavi; quest'ultima è separata da Ponza da un braccio di mare di appena 120 metri. Le sue spiagge sono frastagliate e per lo più rocciose, composte da caolino e tufi: bellissima e affascinante quella di Chiaia di Luna, circondata da un'alta scogliera a picco sul mare. Famosi sono anche la Scogliera e i Faraglioni di Lucia Rosa.
E’ raggiungibile con partenze da Formia, Terracina e S.Felice Circeo (solo estivo), oltre che da Anzio e Fiumicino (Roma) e Napoli. A Ponza lo scenario d’insieme e le quinte di contorno offrono una vista che rende l’approdo tra i più belli e affascinanti. Il delicato semicerchio di case rosate e bianche che circonda il porto ed il profilo dell’isola offrono visioni di commovente bellezza I fondali sono di una varietà e di una bellezza mai visti, pareti in ombra, coperte di gorgonie e alghe rosse, praterie di posidonia che ondeggiano nelle correnti, massi e macigni tappezzati di pavonie e delicate acetabularie. Il periplo dell’isola permette di apprezzare pienamente lo stupefacente alternarsi di cavità, grotte, scogli, calette, baie, dagli incroci cromatici suggestivi e affascinanti.
Dal porto , ci si dirige verso la Punta della Madonna che chiude da sud-est il semicerchio della baia. Superato lo scoglio rosso, si aprono nella roccia tufacea le Grotte di Pilato, peschiere romane all’interno delle quali furono ricavate delle vasche per l’allevamento ittico. Si prosegue verso i Faraglioni della Madonna, attraverso i quali è possibile il passaggio solo con piccole imbarcazioni, e si giunge a Parata degli Scotti, una lingua di spiaggia sassosa che precede i grandi Faraglioni del Calzone Muto.
Di notevole interesse archeologico, la peschiera ricavata nella roccia, collegata al mare da un condotto subacqueo, accessibile attraverso una scalinata esterna, in prossimità dell’approdo del Varo L’isola fu stazione preistorica per la lavorazione dell’ossidiana di Palmarola.
Un’escursione dal mare rivela qualità ambientali molto simili a quelle di Ponza e un paesaggio scosceso che affonda in un mare trasparente e incontaminato. Si parte dalla Cala del Porto, fatta di ciottoli e protetta dall’alto Faraglione di San Silverio Sui fianchi si aprono i vricci (brecce), decine di “occhi” di grotte scavate dagli agricoltori che, dalla fine del ‘700, cercarono di destinare terreni e declivi alle colture. Al largo, i due grandi Scogli delle Galere. Sulla costa, le pendici del Monte Tramontana si aprono al nero dell’ossidiana, propaggine della cupola riolitica del monte.
Si prosegue in direzione sud, verso Punta Vardella, che fa scoprire i colori di Cala Brigantina ed il lungo, eroso, Scoglio Suvace e, più in là, Punta di Mezzogiorno con l’imponente omonimo Faraglione e la grotta che lo attraversa, e lo Scoglio Cappello, Nel breve passaggio, l’Arco Naturale, o meglio l’ex arco, visto che l’architrave che univa le due colonne marine è stato spezzato, negli anni ’60 da una tempesta particolarmente violenta. Oggi questi scogli sono chiamati Il Fucile. Ancora un tratto al largo, verso lo Scoglio Pallante, poi di nuovo l’accosto verso l’isola, nel punto in cui il mare ha scavato varie grottelle e cavità Da qui, l’ultimo tratto che riporta allo Scoglio e al Faraglione di S.Silverio, che ospita sulla sommità una cappellina votiva che la pietà e la devozione popolare hanno dedicato al patrono. Il faraglione è collegato alla terraferma da un cordone pietroso e basso che il mare, probabilmente, taglierà in un futuro non molto lontano.
’isola di Ponza fa scoprire il mare in tutte le sue sfaccettature. Se avete deciso di esplorarla, ecco una guida per voi: otto spiagge a Ponza per una vacanza a contatto con la natura più incontaminata. Le cale e le spiagge sono libere; alcune sono raggiungibili via terra seguendo sentieri anche tortuosi dai panorami splendidi, mentre le più incontaminate si raggiungono solo via mare e sono prive di servizi, ma i tour operator e le cooperative nel porto di Ponza vi porteranno a destinazione ad un costo più che accessibile.
Spiagge di Ponza

Cala Felce

Un connubio fra il verde del paesaggio e il blu intenso del mare, Cala Felce è situata sulla punta nord dell’isola, di fronte a Gavi. La spiaggia è chiara, sabbiosa e sassosa, l’acqua un paradiso in cui restare immersi a lungo. Le piante di felce sono parte integrante del luogo, così come le pietre sulfuree che donano una tonalità gialla a parte della cala. Cala Felce è esposta al sole al sole dalle 10.30 alle 15.00. Accessibile solo via mare, si può raggiungere con un taxi barca da Cala Fonte, altra spiaggia tutta da scoprire.
Cala Gaetano

Per raggiungere Cala Gaetano occorrerà percorrere una scalinata di circa trecento gradini, ma alla fine ne sarà sicuramente valsa la pena! Incontaminata, dai fondali limpidi, multicolori e popolati da tante specie di pesci, è una spiaggia di scogli raggiunta dal sole fino alle 16.00. Da Cala Gaetano è possibile nuotare fino alle spiagge di Punta dell’Ebreo.
Spiagge a sud di Ponza
Chiaia di Luna

Detta anche Cala di Luna, questa spiaggia è fra le più frequentate di Ponza perché offre due grandi vantaggi: l’accessibilità e le dimensioni. Niente scalinate per raggiungerla, ma un tunnel romano lungo 170 metri rimesso di recente in sicurezza insieme alle pareti rocciose della spiaggia, sabbiosa e pulitissima. La falesia di tufo che la circonda le conferisce un colore chiaro che va dal giallo al bianco. Chiaia di Luna fungeva da porto per i Greci e i Romani: lo testimoniano il tunnel e la necropoli a picco sul mare.
Bagno Vecchio

Bagno Vecchio è il luogo perfetto per chi vuole unire l’amore per il mare alla passione per la storia. Vi risiedevano i galeotti condannati all’estrazione delle pietre da costruzione in epoca borbonica. Oggi è presente una piccola necropoli romana di grande interesse archeologico, nonostante numerosi crolli ne abbiano compromesso l’originale bellezza. La spiaggia, di ghiaia e sassi, è raggiungibile sia a piedi dalla località Gli Scotti che via mare, ed è soleggiata dalle 8.00 alle 15.00 circa.
Spiagge a est di Ponza
Spiaggia di Frontone

Frontone è la meta glamour per eccellenza di Ponza: accessibile via terra attraverso un sentiero piuttosto difficile da percorrere, diventa facilmente raggiungibile via mare poiché, essendo vicina al Porto, sono frequenti i collegamenti via taxi barca. La spiaggia è ampia, chiara e sabbiosa, nonché ricca di servizi. Il sole fa compagnia al Frontone fino alle 17.00. Da quel momento la tintarella si esibisce ballando: verso le 18.00 il bar al centro della spiaggia diventa una discoteca a cielo aperto dove sorseggiare drink e trascorrere la serata.
Cala Del Core

Cala Del Core si chiama così perché il fenomeno dell’intrusione magmatica ha donato alla roccia un disegno a forma di cuore che sembra grondare sangue. La cala è una meta preferita dai romantici e dalle coppie e può essere raggiunta solo via mare, offrendo tranquillità, un mare trasparente e un paesaggio molto particolare: la baia, infatti, ospita anche l’omonima Grotta Del Core.
Chiaia Dell’Acqua

Una piccola sorgente di acqua dà il nome a questa spiaggia situata nell’area Le Forna, fra le più popolari fra i visitatori sia per le tante calette raggiungibili a piedi che per la presenza di b&b, alberghi e servizi. Chiaia Dell’Acqua è raggiungibile a piedi tramite una piccola stradina e, a differenza di molte altre spiagge che verso le quattro del pomeriggio vanno incontro all’ombra, resta soleggiata dalle 8.30 fino a mezz’ora prima del tramonto.
Cala Feola

Prende il suo nome dai coloni che abitavano la zona. È una cala chiara ghiaiosa con il mare splendido che caratterizza tutte le spiagge a Ponza. Alla destra della cala (guardando verso il mare) ci sono le famose Piscine Naturali, chiamate anche “Fontone”. Accessibile anche via terra tramite un sentiero, Cala Feola è soleggiata dalle 9.30 alle 16.00. È una spiaggia libera; tra i servizi, bar/ristorante, noleggio di barche e pedalò, un centro di immersione subacquea per chi ama scrutare i fondali.




Per ulteriori informazioni:


PRENOTAZIONI ALBERGHIERE
 info@locorockvacanze.com

 
Torna ai contenuti | Torna al menu